Giochiamoci il Jolly: Blog di Fioly Bocca

  • Perdersi tra i ghiacci

    On: 28 Marzo 2014
    In: ospiti
    Views: 4570
     1
    copenaghen

     

    Per me la solitudine è come per altri la benedizione della chiesa. È la luce della grazia. Non chiudo mai la porta alle mie spalle senza la coscienza di compiere un gesto misericordioso nei miei confronti.

     

    Io col genere giallo ho seri problemi. Mi perdo. Dopo le prime 20 pagine annaspo. Ovviamente non risolvo mai il caso, ma non basta: mi ingarbuglio, inciampo, perdo la capacità di associare volti a nomi. Un disastro.
    E so che succede così, ma ogni tanto ci riprovo. L’ultimo esperimento è stato “Il senso di Smilla per la neve” di Peter Hoeg.
    Share
    Read More
  • Koru: scopri il tuo dono

    On: 5 Marzo 2014
    In: ospiti
    Views: 3013
     Like
    koru

    Ogni donna ha un dono speciale e tu hai la fortuna di sapere quale sia il tuo.

    Sette donne, ognuna con un dono, ognuna con la propria storia, si incontrano e fanno un pezzo di cammino insieme.
    Questo è in una riga il nocciolo di Koru, romanzo spirituale, opera prima (e primo volume di una trilogia) di Silvia Ancordi, autrice del blog www.mathildastillday.com.
    Share
    Read More
  • Di morte, vecchiaia e altri tabù

    On: 24 Gennaio 2014
    In: ospiti
    Views: 5736
     Like
    di vita

     

    Esistono antidoti alla superficialità. Ad esempio alcuni libri,  e “Così è la vita. Imparare a dirsi addio” di Concita de Gregorio è uno di questi.
    Non si fa leggere distrattamente, un pezzo qua e una là, tanto per fare. No, ogni parola è misurata, ogni riga ti si infila in qualche posto scomodo, in mezzo ai pensieri, e non si lascia ignorare.

     

    Share
    Read More
  • Viaggi, un libro, un percorso di segni

    On: 2 Gennaio 2014
    In: la mia vita e io, viaggi
    Views: 6221
     1
    paulo coelho, citazioneEsiste il libro giusto al momento giusto? Secondo me sì, senza dubbio. Non è magari quello del tuo autore preferito, o che entrerà nella top ten dei migliori letti. È piuttosto quel libro che, più di ogni altro, in quel momento specifico della tua vita ha un messaggio preciso proprio per te. 
    È stato il caso de Il cammino di Santiago di Paulo Coelho, che mi ha tenuto compagnia durante il viaggio a Fuerteventura.

    (altro…)

    Share
    Read More
  • Un viaggio per quattro

    On: 23 Ottobre 2013
    In: viaggi
    Views: 3520
     1
    viaggio4Mi sono portata a casa un po’ di conchiglie. Di quelle piccole e bianche. Non si sente il rumore del mare, ma quello lo ricordo bene.
    Quello delle onde che ruggiscono furiose sugli scogli, quelle gentili che s’affacciano timide negli specchi di certe lagune, quelle che si susseguono, mai uguali, su spiagge bianchissime e luminose o su lucide distese nere, e quelle selvagge in mare aperto.

     

    Share
    Read More
  • Un amore alla frutta

    On: 27 Settembre 2013
    In: ospiti
    Views: 9320
     Like
    nessuno si salva da solo di margaret mazzantiniUn grande amore che finisce. Una coppia che si disfa, attraverso un percorso confuso,  sbilanciato.
    In due parole, è la trama di “Nessuno si salva da solo”,  di Margaret Mazzantini.
    Pur non essendo uno dei suoi testi che ho preferito, la sua prosa è come sempre un tessuto prezioso, una sequenza di immagini significative e parlanti da restare impresse nella mente.

    (altro…)

    Share
    Read More
  • Alla ricerca di sé in un catino di zinco

    On: 9 Agosto 2013
    In: ospiti
    Views: 3561
     Like
    catinoIl mare gli risvegliava la percezione d’una vita anfibia, prenatale. Lo sentiva avvolgente come quel ricovero uterino, da cui s’era staccato tanto tempo fa, e dove avrebbe desiderato tornare. Morire, entrando nel mare. Così, forse, con la risacca, anche lui sarebbe riemerso da quell’inghiottitoio acqueo, sul bagnasciuga d’un’altra spiaggia, insieme ai sedimenti marini: i vetruzzi levigati, i pezzi di legno catramosi, i filamenti delle meduse. Fino a diventare una spora portatata dall’aria, che andrà a germogliare chissà dove, lontano

     

    Niente, quando una nasce col jolly della scrittura in tasca c’è poco da fare.  Poco da incazzarsi perché quella naturalezza dalla tua penna s’accanisce a non uscire. Poco da impuntarti a leggere, rileggere, tornare indietro per indagare il mistero di una prosa tanto graffiante che pare uscire dal libro insieme alle cose che racconta, tutte intere, con la loro poesia o il loro schifo attaccato addosso.

    (altro…)

    Share
    Read More
  • Per chi salta dentro le fiabe

    On: 30 Luglio 2013
    In: faVOLIAMO
    Views: 11259
     1
    bimbo che leggeC’è un bimbo mio amico che fa un gioco strano
    gli basta un bel libro a portata di mano
    lui cerca una storia che gli pare bella
    e ci fa un salto dentro come in una padella

    Share
    Read More
  • L’esempio in un alveare

    On: 5 Luglio 2013
    In: ospiti
    Views: 5725
     Like
    fiore

    C’era una notte fuori, piena di profumo, e una notte dentro, piena di domande. 

     

    Una fiaba: leggera, garbata, profonda.
    Questo è “L’inverno dell’alveare” di Davis Bellucci.  Un piccolo gioiello prezioso ben cesellato. Pieno di piccole chicche.
    Per spiegarci meglio: da malata lettrice e grafomane quale sono, da sempre mi annoto brevi parti libri che mi colpiscono maggiormente, che mi fanno riflettere, che mi regalano fremiti di poesia. Le sottolineo a margine e poi le ricopio, nell’infinito file “citazioni”. Dico questo non per sottolineare il mio disagio mentale, ma per raccontare che da questo libro ho attinto una serie infinita di perle, riempiendo fogli di frasi rubate.
    Share
    Read More
  • Una strada che disegna una vita

    On: 28 Giugno 2013
    In: ospiti
    Views: 3300
     Like

    questa storiaMa forse è vero quello che dice lui, e ogni cammino è circolare, e non porta da nessuna parte, ma dentro se stesso, perché troppo fitta è la nebbia della nostra paura e illusorie le strade che sembrano portare altrove. 

    Il fatto di continuare a leggere libri di autori che sono dannati geni, è senz’altro un’arma a doppio taglio per chi, come me, si metta in capa di scrivere qualcosa. Perché se da una parte la loro letteraura ispira, dall’altra mi viene sul viso quell’ombra degli sconfittoi in partenza, perché, mi dico, nemmeno in sette vite mi verrà fuori un manoscritto così. E esattamente il caso di “Questa storia“, uno dei pochi romanzi che io abbia ri-letto, proprio perché nelle pagine di Alessandro Baricco sento la perfezione di una storia scritta comediocomanda.

    (altro…)

    Share
    Read More
Share
UA-31736997-1