Giochiamoci il Jolly: Blog di Fioly Bocca

  • Filastrocca delle cose, quando non le guardi

    On: 29 marzo 2017
    In: faVOLIAMO, sproloqui
    Views: 776
     Like

    coseLe cose stanno zitte quando tu le guardi
    tutto sembra muto e silenzioso
    ma appena tu ti volti son miliardi
    a fare qualche gesto misterioso.

    Mentre ancora sei perso dentro i sogni nel tuo letto
    in cucina -alla luce piccola che viene dalla luna e piano senza far rumore-
    si muove quatto quatto il frullatore e si sporge dal ripiano di armadietto
    per raccontare al mestolo di una fuga che da giovane ha fatto per amore.

    Quando il primo raggio del mattino bussa appena alla finestra
    la tenda si scosta prontamente a farlo entrare,
    il tappeto striscia quattro passi avanti e un passo a destra
    per abbronzarsi un poco e farsi riscaldare.

    Nel bagno tu non sai ma c’è una festa
    lo spazzolino anima un comizio sull’igiene
    il dentifricio non partecipa e scuote la testa
    è sempre stato un tipo strano e chiunque ne conviene.

    Quando poi la sveglia suona, dopo lungo russare,
    ti alzi lentamente e infili le ciabatte
    -fino a un momento prima le sentivi bisticciare-
    e davanti al frigo cerchi, con gli occhi ancora chiusi, il cartoccio del latte.

    Ti sembrava di averlo messo proprio lì, sul quel pianale,
    invece guarda caso ora sta in un angolo vicino alla crostata
    Che distratto sono! Dici a te stesso, nel tuo sonno astrale,
    mentre il latte strizza l’occhio alla salsa tonnata.

    Appena ti volti tutto si anima di nuovo
    -occhiate, sguardi d’amore, d’odio, intese, segnali-
    la forchetta litiga con l’aglio e si innamora di un uovo.
    Perché è così che va la vita: gli uomini e le cose sono uguali.

    Share
    Read More
  • La linea che divide il mare

    On: 14 ottobre 2015
    In: faVOLIAMO
    Views: 1885
     Like
    mare

     

    Tanto tempo fa, nello stesso mare vivevano uno Squalo e un Delfino.
    Al primo piaceva spaventare i bambini che solcavano le onde con le loro barchette, si mangiava i pesci più piccoli e faceva il bullo con tutte le creature marine.

     

    Al Delfino, invece, i bambini piacevano molto e si dispiaceva che lo Squalo facesse scappare via quelli che venivano per giocare con lui. Così propose al pesce denti-aguzzi: Dividiamoci il mare. Lo Squalo accettò, dovevano solo accordarsi su come spartirsi la proprietà.
    Sono mie le onde da zero a tremila dalla nascita del sole, tue dalla tremilaeuno alla seimila, e si riparte. Decisero. Ma poi capirono che avrebbero passato il loro tempo a contare.

     

    Mie le sfumature di mare grigio, azzurro pallido e cobalto, tue il magenta, il blu elettrico e il perla. Ma i colori cambiavano troppo in fretta, con l’andata e il ritorno della luna e del sole.

     

    Alla fine, calcolando un numero spannometrico di pinne, si accordarono sulla linea di confine.
    Il difficile, adesso, era tracciarlo. Provarono con una fila infinita di conchiglie, sul fondo marino, ma quando ebbero finito, dopo settimane di lavoro, le prime conchiglie si erano stufate di stare ferme e avevano scombinato tutto.

    (altro…)

    Share
    Read More
  • Il principe avaro

    On: 20 giugno 2014
    In: faVOLIAMO
    Views: 1591
     Like
    il principe avaroQuesta è la storia di un principe avaro
    che amava soltanto la fama e il denaro.

     

    Un mago un bel giorno gli disse Attenzione!
    col cuore indurito si fa confusione.

    (altro…)

    Share
    Read More
  • Nella Notte delle Streghe

    On: 31 ottobre 2013
    In: faVOLIAMO
    Views: 1880
     Like
    bbodo_halloween_Voglio fare una magia
    questa notte sulla via
    Una strega son, lo so,
    ma crudele proprio no.

    Prendo giochi dei bambini 
    voli e semi di uccellini 
    mischio bene e molto in fretta
    nella luce della steppa.

    (altro…)

    Share
    Read More
  • Il mondo alla rovescia

    On: 20 settembre 2013
    In: faVOLIAMO
    Views: 1746
     Like

    il mondo a testa in giùC’era un lupo grande e nero,
    senza dubbio un lupo vero,
    che cercava pecorelle
    per giocare tra le stelle

    (altro…)

    Share
    Read More
  • Per chi salta dentro le fiabe

    On: 30 luglio 2013
    In: faVOLIAMO
    Views: 8945
     Like
    bimbo che leggeC’è un bimbo mio amico che fa un gioco strano
    gli basta un bel libro a portata di mano
    lui cerca una storia che gli pare bella
    e ci fa un salto dentro come in una padella

    Share
    Read More
  • Pagliuzza e un Cuor Pulito

    On: 29 maggio 2013
    In: faVOLIAMO
    Views: 3424
     Like
    spaventapasseri in un prato“Mamma raccontaci una storia” chiese Salterello, il più grande dei tre scoiattoli.
    “Sì sì mamma, ti prego!” fecero coro i fratellini minori, Coda Folta e Nocciolino.
    Mamma scoiattola sapeva bene che non aveva scampo:
    “E va bene” cominciò, sospendendo i lavori di pulizia della casetta nel tronco della vecchia Quercia.
    Share
    Read More
  • Un gioco piccino picciò

    On: 12 aprile 2013
    In: faVOLIAMO
    Views: 2144
     Like
    Bimbo e signor Pollicino
    Questa è la storia di Pollicino
    un ragazzetto piuttosto piccino
    tutte le volte che gioca con me
    lo porto in giro attaccato al gilet.

    Share
    Read More
  • Per chi salta nelle pozzanghere

    On: 29 marzo 2013
    In: faVOLIAMO
    Views: 2410
     Like
    stivaletti di bimboC’è un gioco che piace a tutti i bambini
    lo fanno mettendo le ali ai piedini,
    nei giorni di pioggia poi corrono fuori
    e cercano pozze di tutti i colori

     

    Share
    Read More
  • Il passo del Centauro

    On: 20 febbraio 2013
    In: faVOLIAMO
    Views: 1975
     Like
    donna a cavalloÈ una storia di mille anni fa, ma ancora i vecchi la raccontano, certe notti di tempesta intorno al fuoco del camino.
    È la storia di Diamante, una ragazzina dagli occhi viola e il cuore di cotone, che viveva solitaria ai margini della foresta.
    È la storia di Belvento, un giovane puledro che viveva allo stato brado con il suo branco, fino a quando un’imboscata di cacciatori della peggior specie non lo resero orfano, solitario e smarrito.

     

    Share
    Read More
Share
UA-31736997-1