Giochiamoci il Jolly: Blog di Fioly Bocca

  • Le paure delle mamme (e i nuovi pannolini Huggies)

    On: 30 luglio 2015
    In: ospiti
    Views: 945
     Like

    huggies(Articolo Sponsorizzato)
    Ci sono tanti tipi di mamme. Da quel che ho capito, più o meno quante sono le mamme.
    Ognuna con al propria filosofia di vita, le proprie scelte e, soprattutto, con una personale capacità di improvvisazione di fronte a quei piccoli grandi interrogativi che la vita con un bambino sa propinarti a giorni (quantomeno) alterni.
    C’è però qualcosa che le accomuna tutte ed è la reazione di panico e smarrimento di fronte ad alcuni temi, che affliggono generazioni di madri di ogni credo, ceto e categoria. Alcuni, se c’hai fortuna, te li scampi. Tipo: reflusso, insonnia, coliche. Altri, vuoi o non vuoi, in una forma o in quell’altra ti toccano. Ad esempio: lo spannolinamento.
    (altro…)

    Share
    Read More
  • Impariamo a corteggiare i sogni (e un libro)

    On: 21 maggio 2015
    In: ospiti, scienza&fantascienza
    Views: 2911
     2
    disegniamo i nostri sogni senza sosta sulle pareti dell'immaginazione

     

    Sognai talmente forte che mi uscì il sangue dal naso. (F. De Andrè)

     

    Innamorati della vita che vuoi e desiderala con ogni cellula del tuo corpo: è uno dei consigli più belli avuti in dono di recente.
    Ed è quello che voglio fare. Come quando, desiderando un uomo – anzi no: L’uomo – aprivo gli occhi il mattino pensando a lui, e andavo a letto pensando a lui, con la quasi certezza di incontrarlo in sogno (non che io sia particolarmente originale: Apro gli occhi e ti penso… Ed ho in mente te…).

     

    Share
    Read More
  • I soli confini invalicabili sono quelli dell’indifferenza

    On: 7 maggio 2015
    In: ospiti
    Views: 1083
     Like

    nepalVi ho già presentato Marzia. La mia amica che ha deciso di seguire il proprio sogno, dilatando la zona comfort, è il caso di dirlo, fino ai confini del mondo. Lei è in viaggio, senza meta: Looking for love è la sola traccia a guida dei suoi passi.
    Le ho chiesto di parlarci del Nepal, terra che conosce bene: è stata in un bellissimo paesino rurale della Kathmandu Valley da novembre 2014 a febbraio 2015. Le ho chiesto anche di aiutarci ad aiutare questo Paese generoso, duramente colpito dal terremoto di fine aprile.

    Come e perché hai deciso di visitare il Nepal?

    Sono in viaggio senza meta alla ricerca dell’amore, quella forma incondizionata che si manifesta in varie forme. Ho scelto di mettere in circolo il mio, collaborando con l’associazione Human Traction che, da anni, opera in un piccolo villaggio della Kathmandu Valley.

    Come hai conosciuto Human Traction? E come operano sul territorio?

    Sono venuta a conoscenza dell’associazione Human Traction tramite un altro viaggiatore nell’estate 2014 e, a novembre, ho deciso di prendere l’aereo che mi ha portata in oriente. L’Associazione si occupa di una ventina di bambini e ragazzi, a cui garantire uno standard di vita migliore. È stato costruito l’ostello, sono stati dotati di elettricità tramite pannello solare, è in atto un progetto per erogare acqua in modo continuo, si cerca di dotarli anche di spazi ludici e poi ci sono progetti a lungo termine, per poter permettere ai più grandi di svolgere un’attività.

    Che impressione ti ha fatto? Quali sono i tuoi ricordi più vividi di quel Paese e della sua gente? 

    È un paese meraviglioso e lo sostengo da sempre. Ha ubriacato i miei sensi, confuso tutti i miei pensieri, modificato le mie abitudini e rubato il mio cuore. I ricordi sono tutti vividi perché sono trascorsi solo tre mesi e, grazie alla tecnologia, non ho provato un gran distacco. Sono nella vicina India, dove tutto è “same same but different” (simile simile, ma diverso). La cosa che mi colpì al mio arrivo fu la gioia che il popolo nepalese ha nel DNA, è profonda, è reale. I loro sorrisi sono disarmanti.  (altro…)

    Share
    Read More
  • Tratta le idee come fossero gatti (tre cose)

    On: 19 marzo 2015
    In: ospiti
    Views: 2233
     1
    tratta

     

    Quel che facciamo è noi. Per ciò siamo venuti.

     

    Tra i tanti saggi sulla scrittura, “Lo Zen nell’arte della scrittura” di Ray Bradbury è uno di quelli che più invoglia a scrivere. Non solo per quello che esprime, ma per come, lo esprime. Con voce entusiasta, pulsante ed evocativa.

     

    Tre cose che questo testo mi ha insegnato.
    1 Scrivere è provare gioia e piacere. Senza essere accompagnato da queste emozioni, resta un gesto sterile che non porta a nulla di veramente buono

     

    Solo questo: senza piacere, senza gusto, senza amore, senza divertimento, sei solo un mezzo scrittore. Significa che sei così occupato a tenere d’occhio il mercato o a prestare orecchio il mercato o a prestare orecchio al versante avanguardistico, che non sei te stesso. Non conosci neanche te stesso. Prima di tutto uno scrittore dev’essere, è, agitato. Dev’essere una cosa di febbri ed entusiasmi.

    (altro…)

    Share
    Read More
  • Un’amica, il giro del mondo. E un regalo di Natale

    On: 17 dicembre 2014
    In: ospiti, viaggi
    Views: 2170
     Like
    senza meta

     

    Per Natale, vorrei fare un piccolo regalo a chi passa a trovarmi su queste pagine. Vorrei presentarvi una persona, se già non la conoscete, che è stata un regalo anche per me. L’ho conosciuta per caso, attraverso Facebook, grazie al suggerimento di un amico comune. Ho cominciato a seguirla e mi ha conquistata così profondamente, con il resoconto del suo giro del mondo, ancora ai primi passi, che le ho scritto. Senza un motivo, solo per dirle che, per quello che vale, io a distanza faccio il tifo per lei. Per il suo sogno bellissimo. Che è stato anche il mio, ma che non ho mai avuto il coraggio di inseguire davvero.
    Mi ha parlato di un’associazione che lavora in Nepal, per aiutare i ragazzi. Lei se ne è innamorata e ora sta cercando di dare una mano a quella che è diventata la sua nuova grande famiglia.
    Se vi va, leggete e condividete. Che qualcosa possiamo fare anche noi, anche da qua.
    E poi, seguite il suo viaggio (in fondo all’intervista vi dice come): vi assicurò che sarà un viaggio bellissimo.
    Grazie Marzia!

     

    1) Dicci qualcosa che ci aiuti a capire chi è Marzia.
    Ho 37 anni, sono nata a Milano da genitori abruzzesi e cresciuta ad Arese, un paesino di provincia.
    Architetto di formazione, clown per diletto e pellegrina per il mondo per scelta della mia anima.

     

    sm1

    (altro…)

    Share
    Read More
  • Lo scrittore visionario e consapevole. Tra Vulcano e Mercurio (tre cose)

    On: 15 dicembre 2014
    In: ospiti
    Views: 1342
     Like

    Il sogno di scrivere, Roberto CotroneoPer scrivere, dovete avere una ragione autentica, un bisogno, e dovete essere un po’ folli.

     

    Roberto Cotroneo ha realizzato “Il sogno di scrivere” partendo da una prospettiva originale: tutti hanno diritto alla scrittura, a prescindere dalla preparazione letteraria e culturale.

     

    Tre cose di questo saggio:
    1) Quando si scrive un romanzo, è bene partire da un fulcro, un’idea. Più che seguire schemi e tracce, è bene farsi guidare dalla logica della storia.
    Opinione analoga quella di Elena Varvello, che sostiene che nella scrittura occorre farsi condurre per mano dalle immagini che ci colpiscono profondamente. (Vi consiglio le sue lezioni di scrittura, che potete recuperare sul sito Ho un libro in testa. L’elenco completo lo trovate su L’imbrattacarte.

     

    E del resto, anche l’autorevole genio di Orhan Pamuk parla, in modo analogo, di centro segreto del romanzo.

     

    2) Ciò che fa di un romanzo un BUON romanzo è la consapevolezza. Quel (sesto?) senso dello scrittore che lo guida, rendendogli palesi le ragioni profonde di ciò che sta narrando, anche da un punto di vista estetico.

     

    Solo chi sa, chi conosce la propria voce può pensare di scrivere

     

    3) Cotroneo riprende Italo Calvino e spiega che uno scrittore deve avere in sé Mercurio e Vulcano; il primo è il dio del fuoco e rappresenta non solo la fatica della scrittura, ma anche “la discesa verticale in territori oscuri e profondi, luoghi dove la vita diventa prima un magma indistinto, un qualcosa di indefinibile, perde le forme che conosciamo e ne prende altre”.
    Mercurio è il dio dell’eloquenza, raffigurato con le ali ai piedi. È lui che ci aiuta a mettere su carta le profonde emozioni evocate da Vulcano.

     

    Il jolly è: seguire alcuni consigli spiccioli dell’autore.  Ad esempio:

    • provare ad ascoltare jazz mentre si scrive
    • tenere a mente che “Più a voi non piaceranno i critici, più piacerete ai critici”
    E naturalmente, seguire il suo blog: http://robertocotroneo.me/

     

    Altri preziosi suggerimenti letterari al Venerdì del Libro di Homemademamma

     

     

    Share
    Read More
  • Cose da mettere in valigia: occhiali da sole per i bambini

    On: 16 novembre 2014
    In: la mia vita e io, ospiti, pupi, viaggi
    Views: 3485
     Like
    Organizzare la valigia per un viaggio in Marocco con due bambini non è semplice, soprattutto se il tour passa tra città, mare, montagna e cenni di deserto. Insomma, ero certa che qualcosa avremmo dimenticato, e non ho tardato a scoprirlo: eravamo sbarcati da poche ore che, attraversando la piazza più grande di Marrakech, mio figlio si è coperto gli occhi con le mani: “Mamma, qui c’é troppo sole…” Chiaro: e gli occhiali? Chissà cosa succederà quando saremo tra le dune. Dunque è deciso: al ritorno mi attrezzo con gli occhiali da sole United Colors of Benetton. Infatti il brand ha ideato una nuovissima collezione di montature vista bambino davvero belle e al passo con i tempi. Mi è capitato di dare un’occhiata alla nuova collezione e li ho trovati interessanti perché mettono insieme l’estetica e l’affidabilità dei materiali. In particolare due modelli super-tecnici, uno da bambina e l’altro per i maschietti, sono un il perfetto connubio tra performance ed estetica. Il bi-iniettato, con cui sono realizzati i frontali, ha due densità diverse, rigido all’interno e morbido all’esterno, per garantire più comfort e stabilità. Le aste possono essere comodamente registrate, grazie all’anima in metallo, e i terminali sono in iniettato con una morbido inserto in gomma antiscivolo.

    Per proteggere i miei bambini dal sole, che non li tieni fermi nemmeno con la camicia di forza, ho scelto i modelli da sole unisex ispirati ai modelli per gli adulti degli anni ’80; un corposo iniettato nei colori pieni del fucsia, azzurro, nero, con una grintosa barra sul ciliare in colori a contrasto, confidando che l’occhiale antiscivolo sopravviverà alle loro corse rocambolesche. Tra l’altro, in questi giorni Lemuele compie quattro anni e la scelta del regalo è bella e fatta.
    Ed è un regalo anche per la mamma, visto che un occhiale United Colors of Benetton della linea bambino dà diritto a un buono sconto del 20% da utilizzare per gli acquisti sul sito benetton.com.
    Poi, non resta che programmare il prossimo viaggio, naturalmente in un luogo pieno di sole! Il jolly è: partire attrezzati.
    Articolo Sponsorizzato
    Share
    Read More
  • Conoscere e non dimenticare

    On: 15 ottobre 2014
    In: ospiti
    Views: 1248
     Like
    luna

     

    “Fantasmi” è una raccolta di scritti di Tiziano Terzani sulla guerra indocinese degli anni Settanta. Sono articoli che il giornalista ha scritto per alcune testate italiane e tedesche, messe insieme dalla moglie Angela Staude, che gli è sopravvissuta.
    Nonostante la scrittura di Terzani sia molto chiara e scorrevole, ho trovato difficile state dietro alla dinamica degli eventi. Questo perché si è trattato di un conflitto complesso, controverso, con molti interessi e schieramenti in campo.

    (altro…)

    Share
    Read More
  • Topolino lo vojo io!

    On: 2 ottobre 2014
    In: ospiti
    Views: 8088
     Like
    disney junior panini

     

    E niente, in famiglia abbiamo una dipendenza: quella da  figurine Panini.
    Così, quando al ritorno da uno dei primi difficili giorni di asilo gli ho presentato il nuovo album, dedicato ai personaggi delle serie tv in onda su Disney Junior, hanno fatto salti alti così.

     

    Dopo aver sfogliato rapidamente il loro regalo, hanno richiesto i primi pacchetti con voce simile a quella di un naufrago che reclami la propria zattera.
    Mamma, io vojo Topolino! Me lo dai?
    Io invece voglio appiccicare Jake!

    Sì, insomma, devo ancora fargli capire per bene che non ho la facoltà di scegliere le figurine guardando attraverso il pacchetto. Ma ci lavoreremo.
    Nel frattempo, lascio che si divertano con la principessa Sofia, la dottoressa Peluche e Manny Tuttofare. E li aiuto con i disegni da colorare e i giochi facili proposti tra un appiccico e l’altro.

    (altro…)

    Share
    Read More
  • La prima volta che…

    On: 23 luglio 2014
    In: ospiti
    Views: 5562
     Like
    la prima volta

    Questo post ce lo regala la mia amica Barbara Lamhita Motolese* (grazie!)

     

    La vita dei bambini è piena di prime volte, forse è per questo che sono pieni di entusiasmo.
    C’è una seggiovia a Prali che sale fino a 2000 metri, una seggiovia come tante, che per noi per un giorno è stata LA seggiovia, quella della prima volta sulla seggiovia, la prima volta che i tuoi figli volano su un seggiolino piccolo e li tieni stretti perchè la vita non ti è mai sembrata così piena di pericoli come da quando sei diventato un genitore. Un’altra prima volta, un altro momento di entusiasmo vissuto insieme, tra non molto comincerà a viverle da solo le grandi emozioni ma per ora è ancora tuo il viso che cerca spalancando gli occhi per dirti quanto è alta questa seggiovia, quanto è bello quell’albero, quanti fiori ci sono su quel prato.

     

    Un’altra prima volta, una delle tante.
    A 3 giorni di vita ha sentito l’aria sulla pelle per la prima volta, dormiva ma ha avuto un leggero tremito, avra’ freddo?
    Ad un mese ha riso per la prima volta, non sapeva cos’era, ma gli è piaciuto, tutto ad un tratto emetteva questi buffi suoni e tutti si giravano a guardarlo sorridendo.

    (altro…)

    Share
    Read More
Share
UA-31736997-1