Giochiamoci il Jolly: Blog di Fioly Bocca

  • È un fatto non di clima ma di voglie (quasi cit.)

    On: 9 Aprile 2014
    In: sproloqui
    Views: 2253
     Like
    bimbo triste

     

    Io -che molto raramente sono triste- quando sono triste divento insopportabile.
    Me ne vado in giro spossatamente, trincerata dietro un no comment o, alla meglio, a un sorriso di circostanza. Perché  non mi so rassegnare alla tristezza immotivata.

     

    Quindi alle giornate che nascono storte si aggiunge la paranoia: cosa c’è che non mi va? Ripasso le ultime ore: avrò dormito troppo poco (ma quello capita all’incirca sempre), avrò visto un film senza lieto fine (ma quando mai ci arrivo alla fine di un film con sveglia alle sei?) il treno era in ritardo (diciamo pure che se mi intristissi per quello, la mia vita sarebbe peggio che in un girone infernale), e via di seguito.
    Share
    Read More
  • Il gioco delle emozioni

    On: 14 Marzo 2014
    In: la mia vita e io
    Views: 2093
     Like
    bimbo con il Didò

     

    Stiamo impastando il Didò, Lemuele e io, in un pomeriggio dopo l’asilo. Lo faccio chiacchierare a ruota libera. Lui scantona senza limiti, come tutti i bambini della sua età. Esce dal seminato, inventa, mi stupisce, canta, ridacchia, dice cose sceme per farmi ridere. Come tutte le volte che ci mettiamo a chiacchierare a tu per tu.

     

    Io lo seguo: invento, improvviso. A un certo punto gli domando:
    Lemuele, da dove viene la felicità?
    “Dal baule. Sta lì e urla”
    “E la tristezza?”
    “Anche lei dal baule”
    “E cosa fa?”
    “La tristezza sgrida”
    “E che mi dici dell’allegria?”
    Risata. “L’allegria è dentro la bottiglia che gioca” (ehm, eppure non dovrebbe avermi mai vista su di giri dopo un paio di bicchieri di vino…).
    Share
    Read More
  • Meno male che c’è gente come me

    On: 25 Gennaio 2013
    In: sproloqui
    Views: 4444
     Like
    scorcio di torinoCi son giorni che mi si aggroviglia qualcosa, dentro. Che sento forte -più forte- qualcosa che stona, che stride.
    Come quando vedo un uomo vestito di stracci che tenta di rubare in una mensa, forse una borsa, un portafogli, e arrivano due volanti di carabinieri.
    Un uomo che, a vederlo, si direbbe possegga poco più che se stesso. Trasandato, sporco, malconcio, con la faccia segnata di un reduce di guerra.
    Che parla male l’italiano. O forse parla male e basta.
    Share
    Read More
  • Sognando il telelavoro (post altamente lamentevole)

    On: 2 Settembre 2012
    In: sproloqui
    Views: 4385
     Like

    bimbi sul busMi mancherà. Questa seconda meravigliosa maternità a casa coi miei bambini, a occuparmi di loro, a seguirli passo a passo, ad avere come priorità ogni loro piccolo traguardo. Mesi bellissimi, complicati, memorabili.

    (altro…)

    Share
    Read More
Share
UA-31736997-1