Giochiamoci il Jolly: Blog di Fioly Bocca

  • Il bosco non dorme (Istanti rubati a #luglio2019)

    On: 12 Agosto 2019
    In: istanti rubati
    Views: 59
     Like

    Il bosco non dorme.
    Sento i pettegolezzi delle foglie quando la brezza porta notizie da chissàdove -hai sentito? così mi hanno detto- la parlata domestica della corteccia e i segreti sussurrati tra le radici, con sotterranea passione. Vedo gli occhi gialli e lontani dei cinghiali, delle volpi e dei pipistrelli che paiono rondini, nel buio dei rami a puntello del cielo.
    La luce scolora e l’orizzonte s’inchiostra mentre gli sbuffi dei cavalli intorno, il loro terroso scalpiccìo, il pensiero che domani non avrò caffè al risveglio ma una falce di luna sbiancata, forse, un’unghia di felicità. 
    Il bosco non dorme e ne sento il respiro dentro il mio respiro, mentre scivolo nel sonno e tutto è qui, così vicino, come fossi io l’occhio sull’orlo del cannocchiale.

    Share
    Read More
  • Vita da setacciare con le mani (Istanti rubati a #giugno2018)

    On: 16 Luglio 2018
    In: istanti rubati, la mia vita e io, lettera
    Views: 1283
     Like

    monferrato, giugno 18Chissà cosa vi ricorderete di questi giorni verdi, di questo caldo che nemmeno vi dà noia, impegnati come siete a fare, a sfrucugliare la vita smuovendola con le mani – dentro la terra, dentro le nuvole – a cercare il segreto della formica, il nascondiglio del ragno, a distinguere il canto della civetta, indovinare il volo della rondine che ha fatto il nido sotto il portico.
    Chissà cosa resta delle rane cercate in una spanna d’acqua, stivali di gomma e mutande, di sangue dal naso e finestre tra i denti, e delle corse nei campi e tra l’erba alta, mentre il trattore mette in fila rotoballe, panettoni gialli al confine del mondo; della fantasia feconda da cui estraete, senza pensare, buffi animali acchiappacoriandoli, navi corsare all’arrembaggio, strambi proclami e teorie sull’amore.
    Chissà se ricorderete domani questa libertà, questa tintinnante moneta che non sapete di spendere a manciate, come stelle filanti a un carnevale. E se saprete capire la fortuna di poterne disporre, in questi tempi difficili e gretti, popolati d’ombre grottesche da cui cerco di non farvi assediare, ma che non voglio nascondervi: ve le racconto perché domani possiate guardarvene e riconoscere che un’alternativa al male c’è e va cercata sempre, con la stessa pertinacia con cui adesso scovate le lucertole tra le fessure dei muretti, con la spavalderia con cui salvate minilepri dagli agguati del cane.

    L’infanzia è un tempo che dura sempre e termina solo in apparenza: la misura esatta è l’infinito, come scrive Chandra Livia Candiani in uno dei suoi versi.
    E voi chissà cosa vi ricorderete di questi giorni chiari, delle mani di padre che vi sostengono, delle mani di madre che raccolgono briciole, semi di questo tempo. Potrete metterli in fila e seguirli per tornare, se vorrete, a questi giorni sbucciati di sole. Pieni di vita da setacciare come terra, con le mani.

    monferrato, giugno 18monferrato, giugno 18monferrato, giugno 18monferrato, giugno 18monferrato, giugno 18

    Share
    Read More
Share
UA-31736997-1