Giochiamoci il Jolly: Blog di Fioly Bocca

  • Mamme che amano il giusto

    On: 20 Marzo 2013
    In: la mia vita e io, lettera
    Views: 12231
     Like

    mamma e bimbo dormono insiemeNon esiste un nome per tutto. Non c’è un termine preciso, affilato come un bisturi, per sezionare le sensazioni, né macchina fotografica che possa fermare e descrivere ogni stato d’animo.

    Non c’è una misura per le emozioni, niente scala Richter o Mercalli che riesca a misurare quanto un uomo sappia stravolgerti il cuore, per esempio. Non c’è categoria o insieme di tag che sappia dettagliare il significato di un post. Non c’è un nome per ogni sfumatura di colore e forse ci sono stati d’animo che non possiamo capire perché non hanno un nome proprio. La vita è piena di cose senza titolo. O magari ce l’hanno in un’altra lingua, dove probabilmente mancherà qualche altra cosa. (Noi mica ce l’abbiamo la saudade o la weltanschauung, per esempio).

    (altro…)

    Share
    Read More
  • Cose che passano, cose che no

    On: 28 Febbraio 2013
    In: lettera
    Views: 6964
     1
    neve dalla finestraHo comprato due paia di stivali coi saldi.
    È quasi finito l’inverno ma non è stato troppo freddo.
    Eliandro ha messo un altro dentino, in basso, e Lemuele va ogni mattino felice all’asilo.
    Sono un po’ dimagrita, sarà la stanchezza, e i  miei capelli sono sempre lunghi. E sempre spettinati.
    Share
    Read More
  • Ritrovarsi

    On: 25 Febbraio 2013
    In: lettera
    Views: 6624
     Like

    cuori appesi a un ramoIn un’altra vita siamo stati amanti. Di certo mi hai rincorsa a lungo, scavalcando notti e rincorrendo intuizioni. Sei stato guerriero che uccide il drago, incantatore di serpenti che seduce i miei occhi vacui, astrologo che indovina i segni del cielo per potermi incontrare.
    Falegname, hai usato le tue mani ruvide per fabbricare parole capaci di bucarmi il cuore. Hai evaso mondi per avvicinarti al mio, sei stato prigioniero e naufrago in attesa che venissi a salvarti da giorni e giorni senza stagioni.
    Sei stato esploratore e io isola segreta.

    (altro…)

    Share
    Read More
  • Per tutte le volte che mi hai tenuta a dormire con te

    On: 4 Gennaio 2013
    In: lettera
    Views: 1503
     Like
    Per tutte le volte che mi hai tenuta a dormire con te,
    per le storie che mi leggevi per farmi addormentare,
    per quando mi portavi al mare e ogni volta ci perdevano tornando dalla spiaggia.
    Share
    Read More
  • Quello che vi auguro per il Duemilaetredici

    On: 31 Dicembre 2012
    In: lettera
    Views: 1914
     Like
    strada nel boscoL’immortalità dei 20 anni.
    Un calendario dell’avvento perenne: ogni giorno una sorpresa, una cosa anche piccola che strappi il sorriso.
    Il coraggio folle di buttare tutti gli alibi nel cesso e tirare lo sciacquone.
    Share
    Read More
  • Una candelina di felicità

    On: 27 Dicembre 2012
    In: lettera
    Views: 2050
     Like

    bimbo che sorrideCi stanno tante ore, in un anno. Tantissimi minuti, tantissimissimi istanti. Non li ho passati tutti pensando a te, ma con te. Perché tu sei qui, nella mia vita, nelle mie mani, sulla pelle, tra le pieghe dei dubbi e delle certezze, tra i passi distratti e il tempo che scivola via, oscillando sbilenco sulle sue gambe lunghe e sicure.
    Sei con me da un anno, oggi, ma ancora prima da nove mesi e ancora da molto prima, quando avevi già una comoda stanza tutta tua in una parte invisibile di me, tra il cuore e i pensieri.

    (altro…)

    Share
    Read More
  • Al limite

    On: 19 Ottobre 2012
    In: lettera
    Views: 1732
     Like

    uccello in voloIl senso della vita. Eterna ricerca, enigma per eccellenza. Quesito con cui tutti, chi prima chi dopo, ci troviamo a fare i conti. Scienziati, filosofi, carpentieri, teologi, preti e saltimbanchi. Ballerine e minatori, madri e vecchi, serial killer e santi. Ciascuno a modo suo si dà delle risposte, le accarezza come certezze salvifiche, le pesca a casaccio nel mare magnum delle possibilità, le accoglie come placebo a tutti i mali. Se le rigira tra le dita, le mette in riga e le razionalizza fino a farne regole matematiche, le rinnega dopo un dolore sfibrante, ci si accarezza i pensieri per lenire il male, scacciare la noia, trovare scorciatoie.
    Tutti ci facciamo i conti, più o meno. Chi sempre, chi poco e chi troppo.

    (altro…)

    Share
    Read More
  • Vaniloqui di una mamma al primo giorno di asilo

    On: 27 Settembre 2012
    In: lettera
    Views: 3201
     Like

    bimbo che rideMamma, aiuto. Queste le prime parole di Lemuele dopo il minuto numero uno del primo giorno di asilo.

    (altro…)

    Share
    Read More
  • Come sarebbe

    On: 24 Agosto 2012
    In: lettera
    Views: 2831
     Like

    Ho dovuto fare i conti: oggi sarebbero 62.
    Le parole mi si impigliano tra i pensieri e se ne vanno in giro troppo lontano. Le richiamo all’ordine ma non mi danno retta, sono sulla scia dei ricordi, su quella strada tortuosa e friabile che mi riporta a te.
    Più che una strada è una stradina di montagna, quelle mulattiere strette che attraversano i boschi, quelle che ti sono sempre piaciute, mamma.

    (altro…)

    Share
    Read More
  • Parole per la notte

    On: 1 Luglio 2012
    In: lettera
    Views: 1906
     Like

    mamma e bimboCi sono giornate più difficili di altre, piccolino.
    Sono quelle che quando finiscono hai accumulato tanto nervoso e frustrazione che non ti fanno dormire nemmeno con la mamma e il bau vicino. Quelle che quando riesci finalmente a sprofondare nel mondo dei sogni hai ancora i singhiozzi che ti scuotono tutto. E mi sembri più piccino e indifeso di sempre.

    (altro…)

    Share
    Read More
Share
UA-31736997-1