Giochiamoci il Jolly: Blog di Fioly Bocca

  • L’orto e la mia idea di famiglia (Istanti rubati a #maggio2018)

    On: 18 Giugno 2018
    In: istanti rubati, la mia vita e io
    Views: 1095
     Like

    pom granin, moncestino (AL)
    I bambini quest’anno hanno chiesto loro di fare l’orto. Dietro casa abbiamo una striscia di terra, tra gli alberi da frutto e il noccioleto, dove un tardo pomeriggio siamo scesi insieme a Federico, armati di rastrelli e cipollotti. Abbiamo cominciato dai cipollotti.
    Federico mostrava il punto, Lemuele faceva il buco nel terreno, proprio lì, Eliandro spingeva giù i piantini. Nei giorni a seguire son passati lo zio, la nonna, il nonno; chi ha innaffiato, chi ha infilato paletti, chi ha seminato angurie, meloni, pomodori.
    Qualche giorno dopo ha grandinato; i bambini affacciati sotto il portico a guardare i chicchi bianchi battere sui tetti hanno detto Speriamo che non rovini l’orto. Speriamo.
    Certo, la pioggia di questa stagione balorda ha dato una mano – quelle nuvole ampie, scure, quei cieli bigi come certi d’autunno inoltrato. Però ci vuole anche sole perché i frutti maturino e siano saporiti e servono temperature costanti. Aspettiamo e vedremo, parlerà il raccolto.
    Mi piace che i bambini se ne prendano cura, certo al modo dei bambini, con interesse intermittente, subito appannato da un amico che viene per un giro in bici, da una battaglia a bombe d’acqua coi cugini, da qualche ora di gioco con il pony appena arrivato.
    Abbiamo avuto giorni intensi, incasinati, pieni, difficili, alcuni persino molto difficili – ognuno a suo modo. Una grana di lavoro, una brutta notizia, un cattivo voto a scuola, il nostro gatto Buio che sta male (e poi muore), un appuntamento mancato, l’attesa di una visita medica.
    Però mi piace pensare che la sera ci si può dare appuntamento nell’orto – non importa quanto sia stata dura la giornata se si possono infilare le mani nella terra, insieme, vedere cosa è venuto fuori. Nonostante la grandine, grazie alla pioggia che pure hai maledetto qualche ora prima, quando ti sei trovato senza ombrello sotto uno scroscio improvviso.
    Ecco, forse essere famiglia somiglia a questo impegnarsi a seminare qualcosa insieme e vedere come va, ogni sera -non importa quanto sia stata dura la giornata – vedere come va e sperare che vada bene. Annaffiare, strappare le erbacce, piantare paletti. E sperare che vada bene.
    Nonostante la grandine, grazie a certe piogge che subito ci sembrava una maledizione e invece guarda, lì, proprio lì: sta crescendo qualcosa di buono.

    pom granin, moncestino (AL)pom granin, moncestino (AL)pom granin, moncestino (AL)pom granin, moncestino (AL)

    Ciao, Buio del nostro cuore
    buio <3

    Share
    Read More
  • Istanti rubati a #Aprile

    On: 30 Aprile 2014
    In: foto, la mia vita e io
    Views: 2575
     Like
    sagra a Moncestino

     

    Le giornate con amici: chiacchiere arretrate, un (due tre) bicchieri di vino, sdraiarsi con una coperta al sole, aspettando l’aperitivo sotto il portico.

    (altro…)

    Share
    Read More
  • 10 promesse di primavera più 1

    On: 8 Aprile 2013
    In: la mia vita e io, ospiti
    Views: 8407
     Like
    le nostre promesse di primaveraI buoni propositi non guastano mai, nemmeno quando ti pare poco credibile anche solo trovare il tempo per poterli formulare. Ma senza stilare liste da depennare a obiettivo raggiunto o, con maggior frequenza, da appallottolare e usare per accendere la stufa a tempo scaduto, non posso affrontare la nuova stagione. Poi ho già detto che mi piacciono i punti elenco, no?
    Share
    Read More
  • Scusate non mi lego a questa schiera

    On: 9 Luglio 2012
    In: sproloqui
    Views: 2386
     Like

    bimbo nell'ortoIncredibile: in meno di un mese sono riuscita a leggere un libro. Tutto eh, da pagina 1 fino alla quarta di copertina, indice compreso. Sono stata brava. Ho letto acrobaticamente con un pupo sulla pancia e uno appiccicato al collo, poi girando in cortile col passeggino e il libro appoggiato sopra, poi quando dormivano, ma pochissime righe perché è un gran difficile che dormano in contemporanea. Ho letto –poco poeticamente- in bagno e nelle posizioni più scomode mentre facevo addormentare Eliandro, che lui se vede un libro se lo vuole mangiare (come ogni altra cosa semi solida nel suo raggio d’azione). Ho letto ad alta voce per Lemuele, ma pochissime parole perché alla quinta o sesta lui capisce che non è una favoletta delle sue e che la mamma sta cercando di farlo fesso.

    (altro…)

    Share
    Read More
  • Quel mazzolin di sedani

    On: 1 Maggio 2012
    In: la mia vita e io
    Views: 2114
     Like

    Qualche tempo fa Federico mi coglie in contropiede chiedendomi “Perché non facciamo l’orto?”. Il mio primo pensiero (quantomai azzeccato) è stato che tra pupi, animali e altri simili svaghi ci mancava giusto la verdura fai da te.

    (altro…)

    Share
    Read More
Share
UA-31736997-1