Giochiamoci il Jolly: Blog di Fioly Bocca

  • Di morte, vecchiaia e altri tabù

    On: 24 Gennaio 2014
    In: ospiti
    Views: 3235
     Like
    di vita

     

    Esistono antidoti alla superficialità. Ad esempio alcuni libri,  e “Così è la vita. Imparare a dirsi addio” di Concita de Gregorio è uno di questi.
    Non si fa leggere distrattamente, un pezzo qua e una là, tanto per fare. No, ogni parola è misurata, ogni riga ti si infila in qualche posto scomodo, in mezzo ai pensieri, e non si lascia ignorare.

     

    Share
    Read More
  • Spunti di reincarnazione

    On: 7 Giugno 2013
    In: ospiti
    Views: 2515
     Like
    tramonto
    L’anima deve tendersi sugli abissi cosmogonici
    mentre il corpo compie i suoi quotidiani doveri.

     

    Autobiografia di uno yogi” di Paramahansa Yogananda: è il volume che campeggiava da mesi nella mia libreria nel reparto “da leggere”. Me lo hanno prestato parecchio tempo fa, è consumato, sottolineato e mezzo distrutto, come piace a me, perché anche i libri, e non solo le parole che vi albergano dentro, devono avere una loro storia da raccontare. E questo di storie ne racconta un bel po’.
    Share
    Read More
  • Un racconto e un dolore. Storie che si intrecciano

    On: 24 Maggio 2013
    In: il progetto, ospiti
    Views: 5569
     Like
    "Fai bei sogni" sul cruscotto
    L’intuizione ci rivela di continuo chi siamo. Ma restiamo insensibili alla voce degli dei, coprendola con il ticchettio dei pensieri e il frastuono delle emozioni. Preferiamo ignorarla, la verità. Per non soffrire. Per non guarire, perché altrimenti diventeremmo quello che abbiamo paura di essere. Completamente vivi. 

    Credo non sia facile scrivere una bella autobiografia, e nemmeno trasformarla in romanzo. Massimo Gramellini con “Fai bei sogni” ci è riuscito perfettamente.
    Parla con la delicatezza, l’ironia disincantata di un bambino. Con un mal dissimulato e prepotente dolore che corrompe dall’interno.

    Chi è stato abbandonato si considera assaggiato e sputato come una caramella cattiva. Colpevole di qualcosa d’indefinito.Così mi sentivo io. Non avevo saputo trattenerla.

    Non ho capito subito che il giornalista avesse riportato in modo così fedele il proprio vissuto e quando mi sono resa conto che quella era esattamente la sua storia, mi ha molto colpita, per diversi motivi.

    Share
    Read More
Share
UA-31736997-1