Giochiamoci il Jolly: Blog di Fioly Bocca

  • Arcobaleni inventati: i colori dei bambini

    On: 15 maggio 2012
    In: sproloqui
    Views: 1673
     Like

    bimbo e fiori“Di che colore è questo? Giallo come?”
    “Come il sole”
    “Questo è blu come?”
    “Il mare”
    “Bianco come?”
    “La neve”

    Li insegniamo così, i colori ai bambini. Facili, diretti. Il verde ricorda i prati brillanti della primavera, il marrone le castagne che pesano sugli alberi in autunno. Semplifichiamo per loro una realtà così ricca di sfumature perché noi stessi abbiamo paura di naufragarci dentro.

    (altro…)

    Share
    Read More
  • Auguri, mamma

    On: 13 maggio 2012
    In: lettera
    Views: 1576
     Like

    in spiaggiaAuguri mamma.  Per le notti di Natale in giro con la slitta. Per le uova colorate a Pasqua, perché ci siamo arrampicate su tutti gli alberi di Obra. Perché mi piace come sono, con il cuore di montanaro e i pensieri di donna.

    Per la neve che mi mandi in inverno a dirmi che tutto va bene.

    (altro…)

    Share
    Read More
  • L’unica cosa nell’ultimo giorno del mondo

    On: 10 maggio 2012
    In: lettera
    Views: 1311
     Like

    Prima di scrivere sul blog, la maggior parte dei post li annoto su un block notes. Non perché io sia irrimediabilmente grafomane, o non solo, ma perché in questo periodo Eliandro vuole vedermi accanto a sé. Così ci accoccoliamo tutti e due sul divano (o tutti e tre, con Lemuele) e nella maggior parte dei casi lui se ne sta buono. A guardarmi e “sentirmi”.

    (altro…)

    Share
    Read More
  • A piccoli passi

    On: 7 maggio 2012
    In: sproloqui
    Views: 1702
     Like

    Ero incinta di Lemuele, il mio primogenito, quando lo sentivo guizzare attraverso la mia rotondità –pesciolino nella boccia– e già intuivo che la cosa più difficile che avrei dovuto fare sarebbe stata lasciarlo andare.

    (altro…)

    Share
    Read More
  • Bocciata agli esami del sangue

    On: 3 maggio 2012
    In: la mia vita e io
    Views: 1658
     Like

    Missione del giorno: sottopormi a prelievo del sangue. Nella comoda cittadina di Chivasso, a soli 25 chilometri circa da casa. Difficoltà: due pupi da portare con me.

    Sveglia puntata alle ore 6.30. Dopo un rapidissimo pit-stop in bagno per aggiustare l’aggiustabile, dopo aver racimolato i vestiti sapientemente sparpagliati la sera prima per casa e trascurando –vista l’ora- qualunque orpello o vezzo che possa vagamente risollevare la mia già compromessa immagine, parto con la sveglia dei pupi.

    (altro…)

    Share
    Read More
  • Quel mazzolin di sedani

    On: 1 maggio 2012
    In: la mia vita e io
    Views: 1437
     Like

    Qualche tempo fa Federico mi coglie in contropiede chiedendomi “Perché non facciamo l’orto?”. Il mio primo pensiero (quantomai azzeccato) è stato che tra pupi, animali e altri simili svaghi ci mancava giusto la verdura fai da te.

    (altro…)

    Share
    Read More
  • Pupi e papi

    On: 26 aprile 2012
    In: la mia vita e io
    Views: 1469
     Like

    altalenaQuando i papà si avvicinano ai propri pargoli per cambiare loro il pannolino, pur con tutta la buna volontà, riescono a vivere l’impresa come fosse un compito degno di un atleta olimpionico con basi da ingegnere aeronautico e qualche abilità presa in prestito da Houdini. Del resto, qualche dote del celebre mago di sicuro ce l’hanno: riescono sempre a far scomparire i pannolini al momento del bisogno (ma solo alla propria vista, perché i pacchi Pampers&affini sono al posto di sempre), a imbalsamare il piccolo come fosse pronto per essere spedito in un altro continente e a usare la maionese anziché la Pasta di Fissan.

    (altro…)

    Share
    Read More
  • Post sul post partum n° 2

    On: 23 aprile 2012
    In: scienza&fantascienza
    Views: 1633
     Like

    ciabatteDicevamo di come ci si sente nel primo periodo dopo il lieto evento. In sunto: si è stanche, ma stanche è un eufemismo. Fuori forma, anche, perché nella migliore delle ipotesi nelle ultime settimane prima del parto sarai riuscita a malapena a trascinarti da un divano a un letto (ginnastica base), a fare qualche passeggiata stile pensionato ottuagenario (non per tutti), e a piegarti quanto basta per allacciare le scarpe (sport estremo).
    Non avrai voglia di ricevere la visita -magari pure a sorpresa- della cugina dell’amica di tua zia, che in condizioni di normalità non ti avrebbe salutata per strada, ma trova sia una splendida idea venire a fare un salutino al pupo (che ha 2 giorni di vita) ora che tu sei in pigiama, ma sporco, con le occhiaie tatuate e spettinata come se fossi appena uscita dalla galleria del vento. E con il desiderio di socializzare di una cavia con il suo vivisezionatore. (altro…)

    Share
    Read More
  • Post sul post partum n° 1

    On: 19 aprile 2012
    In: scienza&fantascienza
    Views: 1577
     Like

    ciabatteSon così numerose, le gioie del post partum, che a volerle elencare non si sa da che parte cominciare. Qualunque tipo di parto tu abbia avuto, subito dopo (e il subito non finisce proprio in un batter d’occhio) sei una donna disfatta. Chi più chi meno, questione di nuance.

    Dimentichiamo per un attimo la poesia di essere finalmente mamma, e concentriamoci spietatamente su ciò che resta di un essere umano dopo esser stato attraversato da un altro essere umano, dolce e bellissimo, ma non innocuo e minuscolo come sembra una volta adagiato nella sua culletta. (altro…)

    Share
    Read More
  • Vi presento un’amica

    On: 18 aprile 2012
    In: ospiti
    Views: 536
     Like

    Bodò ospita una Mamma di razza: mi ha divertito un sacco con il suo “Manuale di sopravvivenza” e i “Dialoghi surreali con l’armadio Nerone”. Qui ci spiega perché ‘sto principe azzurro non lo acchiappiamo mai. Tutto il resto lo trovate qui (e vi assicuro che vale la pena farci un giro).

    Girandomi e rigirandomi nel letto, alla ricerca di una risposta all’eterno dilemma, finalmente l’ho trovata. Una passa tutta l’adolescenza a cercare il principe azzurro, salvo poi doversi mettere il cuore in pace non riuscendo a spiegarsi perché tra la favola e la realtà ci passino quei due o tre trilioni di corna, qualche imbecille di professione, mammoni a non finire e uomini senza palle.
    Ed ecco che quando meno te l’aspetti vedi la luce.

    (altro…)

    Share
    Read More
Share
UA-31736997-1