Giochiamoci il Jolly: Blog di Fioly Bocca

L’altra parte

On: 12 Agosto 2019
In: quasi poesia
Views: 234
 Like

A casa mia le cose erano diverse. 
Là ci stavano sentieri fatti con i sassi e sabbia e bordati d’erba verde
e il confine tra il cortile mio e quello del vicino
era fatto da una riga disegnata in terra,
disegnata per essere saltata.

Poi è venuta gran confusione 
e la famiglia che ci abitava accanto è andata via per prima.
Andata dove, chiedevamo noi bambini,
Andata dove.
È rimasta una linea disegnata in terra 
e nessuno -e niente- dall’altra parte.

La gran confusione deve aver mischiato tutto,
perché dopo sono venuti sentieri fatti d’acqua
-sentieri d’acqua, ci crederesti?,
una scia mobile attraverso il mare.
Non c’erano più i miei passi sulla sabbia ma lo stare in equilibrio
su una barca
e non c’era più la traccia, solo blu davanti gli occhi.
E dietro e tutto intorno. Un blu che qualche volta diventava nero.

Ora vivo in un Paese dove i limiti sono tracce in fil di ferro:
non per essere saltati
ma per dire la differenza tra chi sta qui
e chi sta dall’altra parte.
Non cuce, il confine, ma strappa
come la forbice col filo
come la distanza col passato,
e quel che vedo è un muro alto 
e reti
e non so cosa c’è dall’altra parte.

Non so più
se c’è, un’altra parte.

Share
Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share
UA-31736997-1