Giochiamoci il Jolly: Blog di Fioly Bocca

La linea che divide il mare

On: 14 Ottobre 2015
In: faVOLIAMO
Views: 2499
 Like
mare

 

Tanto tempo fa, nello stesso mare vivevano uno Squalo e un Delfino.
Al primo piaceva spaventare i bambini che solcavano le onde con le loro barchette, si mangiava i pesci più piccoli e faceva il bullo con tutte le creature marine.

 

Al Delfino, invece, i bambini piacevano molto e si dispiaceva che lo Squalo facesse scappare via quelli che venivano per giocare con lui. Così propose al pesce denti-aguzzi: Dividiamoci il mare. Lo Squalo accettò, dovevano solo accordarsi su come spartirsi la proprietà.
Sono mie le onde da zero a tremila dalla nascita del sole, tue dalla tremilaeuno alla seimila, e si riparte. Decisero. Ma poi capirono che avrebbero passato il loro tempo a contare.

 

Mie le sfumature di mare grigio, azzurro pallido e cobalto, tue il magenta, il blu elettrico e il perla. Ma i colori cambiavano troppo in fretta, con l’andata e il ritorno della luna e del sole.

 

Alla fine, calcolando un numero spannometrico di pinne, si accordarono sulla linea di confine.
Il difficile, adesso, era tracciarlo. Provarono con una fila infinita di conchiglie, sul fondo marino, ma quando ebbero finito, dopo settimane di lavoro, le prime conchiglie si erano stufate di stare ferme e avevano scombinato tutto.

Decisero di usare gli acquerelli, ma le scie variopinte si scioglievano in pozzanghere multicolori.

 

Chiesero ai pesci piccini i mettersi in fila e formare una linea lunghissima, ma quelli, indisciplinati come pochi, ogni manciata di minuti rompevano le righe.

 

Seminarono bocconi di pane, che restassero a galla, ma se li pappavano i gabbiani.

 

Fu così che, dopo innumeri tentativi, Squalo e Delfino capirono che il mare non si presta a essere diviso.
Il buono e il cattivo devono governare insieme e trovare da soli equilibrio e armistizio. Proprio come nel cuore dei bambini.

 

Il jolly è: ammansire lo Squalo, celebrare il Delfino.

 

Share
Tags: , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share
UA-31736997-1