Giochiamoci il Jolly: Blog di Fioly Bocca

Ricordi in technicolor

On: 23 Gennaio 2014
In: Senza categoria, sproloqui
Views: 1644
 Like
istanbulCi sono ricordi che ti si appiccicano addosso, come cocciuta carta da parati.
Carta da parati con sfondo rosato magari – rose rosa senza spine –  o quella più cupa, con fantasie ossessive anni settanta.
Ve le ricordate? Martellanti come un jngle di tre note sparato in loop nelle orecchie.

 

Alla prima categoria appartengono i ricordi docili, che affiorano alla memoria calamitati da belle emozioni: un primo bacio (quanti primo bacio possono esistere, in una vita?),  un giorno da bambina al mare coi nonni,  quel concerto degli anni novanta, che eri così acerba, così pronta a ballare sul mondo (cit.)

 

I ricordi che appartengono alla seconda categoria sono un’ancora greve, il fardello del fuggitivo, tanto scomodo eppure vitale, perché anche quelli hanno fatto di noi ciò che siamo. Alla mia età è impossibile avere quello zaino nero completamente vuoto. O mi sbaglio?
In mezzo, una miriade incalcolabile di sfumature: carte ingiallite dal tempo, divertenti come una pellicola di Stanlio e Olio,  emozionanti come i colori di un tramonto sul Bosforo.

 

Ecco, questo sproloquio era giusto così, per dirvi che vi auguro un panorama di colori in equilibrio,  di tinte forti per farvi ruggire e bei pastello per rilassarsi un po’.  Che i ricordi che, appena più in là, si stanno preparando per entrare nelle vostre vite, siamo armonia e brillantezza.

 

Il jolly è: giocare con tutto,  ricordi, parole, colori. Come fanno i bambini, sporcarsi le mani

 

Share
Tags: , , , ,

One Response to Ricordi in technicolor

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share
UA-31736997-1