Giochiamoci il Jolly: Blog di Fioly Bocca

A mio padre

On: 3 Giugno 2013
In: lettera
Views: 7192
 Like
mio padre e mio figlioL’uomo della mia vita numero uno mi ama da prima che nascessi. Mi ha curata dentro la sua testa prima che avessi un corpo e un volto, come fa un bravo giardiniere con un fiore prezioso.
Forse per questo ha scelto per me un nome che fa pensare a un fiore.
L’uomo della mia vita è lì da sempre, con la sua barba folta e le braccia nodose. Con i suoi pensieri veloci e la battuta pronta, il senso di giustizia sempre acceso e l’istinto alla lotta.
Braccia da operaio, mani da falegname e cuore rivoluzionario.
Mani che hanno aggiustato biciclette e bambole, costruito mobili, curato ginocchia sbucciate e tolto spine, spianato ostacoli, assemblato presepi a natale, asciugato lacrime, sfogliato libri, fabbricato giocattoli.

Quando ero piccola mi portava al fiume a cercare sassi levigati da fare rimbalzare tra le onde, mi portava dal dottore perché solo con lui non temevo aghi e medicine. Mi cantava canzoni stonate e vecchie di mille anni, mi raccontava storie strampalate dove i buoni vincevano sempre.
Mentre mia madre ci guardava ridendo, lui ci prendeva in giro, a me e mia sorella, con parole d’amore travestite da burla. Perché i sentimenti non hanno bisogno di presentazioni.

Alla ragazza che sono stata rimproverava la testa dura e la cocciutaggine, un poco fiero, sotto sotto, del mio non demordere. Allora ci siamo urlati addosso parole di guerra quando certe notti rincasavo tardi. Mi aspettava sveglio ogni volta e guardava l’orologio brontolando prima di darmi la buona notte.

Ora che sono una donna mi guida senza farsi notare, si occupa dei miei figli come se fosse diventato padre un’altra volta. Con lo stesso amore pudico e incondizionato li porta in giro in bici a guardare i treni, capace di parlargli per ore di viaggi e di luoghi lontani.

L’uomo della mia vita non c’è stato un giorno o un’ora che io non lo trovassi accanto.
Non leggerà queste parole, perché i blog e la rete sono tutte cazzate, dice. Non le leggerà per fortuna, perché ci imbarazzeremmo un po’.

Siamo un po’ duri e un po’ timidi, noi, e non glielo ho mai detto, con queste parole, che lui è l’uomo della mia vita.
Perché i sentimenti più grandi non hanno bisogno di presentazioni.

Share
Tags: , , , ,

33 Responses to A mio padre

  1. Grav Labs Review ha detto:

    What’s up everyone, it’s my first go to see at this web site, and piee of writing is in fact
    fruitful in support of me, ksep up posting these types of
    articles.

  2. Ale ha detto:

    Io e te sulla ritmo e tuo papa’ che canta a squarcia gola: ” questo amore e’ una camera a gaaaaas” , non lo scordero’ mai 😉

  3. Duda Tissa ha detto:

    Complimenti a lui e a te!

  4. mammamari ha detto:

    Ci regali immagini splendide dei tuoi genitori!
    Grazie perché le condividi, possiamo così provare a mirare in alto con i nostri figli.
    Regalagli questa lettera, se la merita tutta e anche di più.

    • Fioly ha detto:

      grazie mammamari.
      io penso sempre che se i miei figli avranno per me la metà della stima che ho per i miei genitori, avrò fatto un buon lavoro.
      un abbraccio

  5. Danila ha detto:

    Già!
    mi son trovata ieri,combinazione,a far due parole con tua zia!!
    il succo del discorso:
    nonostante la sfortuna di non aver più accanto la grande donna della propria vita, c’è un uomo,grande e con la U maiuscola, che si prodiga e offre tutto se stesso,solo per puro amore(e ci fà comunque,sentire fortunate!!).
    🙂

    • Fioly ha detto:

      proprio così.
      nella sfortuna evidente siamo molto, molto fortunate.
      senza contare i nuovi piccoli uomini che ci rendono la vita ogni giorno più bella!

  6. Raffaella ha detto:

    Stampa questa lettera meravigliosa e poi metti la nel suo portafogli. Quando scrivi così, incanti.
    Raffaella

  7. keypaxx ha detto:

    Credo che certi padri pagherebbero oro solo per avere dai loro figli la metà di quanto tu hai dedicato al tuo.
    Un sorriso per la giornata.
    ^____^

  8. elisa ha detto:

    ma bella Fioly!

  9. Marzia ha detto:

    Parole bellissime che esprimono sentimenti indescrivibili. Che bello sarebbe restare dentro i nostri figli come accade a te con tuo padre, vorrebbe dire aver fatto qualcosa di grande delle proprie emozioni.

  10. la rejna ha detto:

    *sospiro* (le faccio un po’ anche mie)

  11. mammadisera ha detto:

    E’ un peccato che lui non la legga….. forse un giorno dovresti fargliela leggere…..

  12. Francesca Gallo ha detto:

    Ho la pelle d’oca….grande Fioly

  13. verdeacqua ha detto:

    dietro una grande donna credo c’è sempre un grande padre. Di quelli in gamba, sicuramente burloni e indubbiamente con grande senso della giustizia, di cui le figlie si innamorano, perchè sono padri che ci sono.

    • Fioly ha detto:

      uh, ma volte farmi piangere oggi…
      di sicuro sì: mio padre c’è sempre, da che ho memoria. e forse qualche cosa di più…

  14. deborah ha detto:

    Mi hai di nuovo commossa! Tu scrivi divinamente, riesci a raccontare le emozioni! Hai un bel dono oltre ad avere una bellissima anima.

  15. elisabetta ha detto:

    bella questa dichiarazione di amore incondizionato.
    come vivisezioni i sentimenti tu, fiolyna, nessuno mai

    baci,
    bettina

  16. Patrizia ha detto:

    Lacrimo copiosamente…

  17. Robin :D ha detto:

    Non glielo avrai mai detto, ma sicuramente lui lo sa!

Rispondi a mammadisera Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share
UA-31736997-1