Giochiamoci il Jolly: Blog di Fioly Bocca

Confessioni di una bi-suocera precoce

On: 19 novembre 2012
In: sproloqui
Views: 3158
 Like

bacio tra bimbiUn’amica, tempo fa, mi ha detto: quando una donna scopre di essere incinta di un figlio maschio, è già suocera. Ecco. Due maschi, bi-suocera, quindi.

In effetti qualche avvisaglia di questo trend c’è già stata. Qualche settimana fa siamo andati da amici che hanno una bambina poco più grande di Lemuele. Quando ho notato mio figlio, in genere astioso con ogni forma umana sotto gli 80 centimetri, sedersi accano a lei e farle una cara, ho fatto la faccia di una che ha visto un fantasma. Coi codini, per di più.

Mi sono vista acida, in ciabatte e bigodini, a osservare nascosta dietro la tenda della finestra IL MIO BAMBINO con la sua fidanzata, una splendida ammaliatrice intenta a usare tutte le sue arti magiche per irretire il mio piccolo e PORTARMELO VIA. (Ma non faccio sempre questi pensieri, eh, solo qualche volta. E poi mi redimo immediatamente).

Sì lo so, sono una persona orribile. Abbandonatemi qui, a cospargermi il capo di cenere inginocchiata sui ceci. Me lo merito.

Ho confessato i miei peccaminosi pensieri a Federico e lui ha semplicemente alzato gli occhi al cielo. Solo questo. Certo, però, un padre la fa facile. Anzi, lui sarò ben felice se i suoi figli avranno il suo stesso charme da latin lover e se si accompagneranno con un discreto (cospicuo?) numero di belle fidanzate. Sì sì, mio caro, prenditi gioco della madre gelosa. Ma se mai avremo una figlia ti attendo al varco!

Ecco, ma la scena che ha più segnato il mio cuore di mamma è stata un’altra, di qualche mese fa. Siamo a casa di (altri) amici, anzi per l’esattezza in cortile. Lemuele osserva giocare la padrona di casa, una bambina di un anno più grande. Poi cautamente le si avvicina, cerca di interagire (allora proprio vero che ha ereditato la spavalderia del babbo –e pure della mamma in verità- seppure ancora annacquata dalla timidezza dei bimbi). Ma lei, conscia del vantaggio dell’essere sul suo territorio e dall’avere una manciata di centimetri in più (oltre a quello atavico dell’essere femmina), lo tiene in disparte. Lo guarda dall’alto in basso, come farebbe una ventenne oscillante sicura su un paio di stiletto tacco dodici.

E lui dietro, traballando sulla scia dei passi decisi di lei. Fino a quando mio figlio non abbassa lo sguardo, inesorabilmente attratto dalla ghiaia, sua grande passione. Ne prende una manciata e la porge all’amichetta, come un cavaliere che porga alla dama il cuore del drago ucciso i suo onore. Allunga la manina piena di pietre preziose dicendo gaace (grazie, lui lo dice anche quando ti offre qualcosa) e guardandola con occhioni scintillanti… E lei? Con una manata accompagnata da un secco NO! Gliele fa cadere tutte per terra.

A quel punto sono corsa verso di loro, ho afferrato l’ingrata per una caviglia e l’ho lanciata oltre al cancello di casa, tipo giavellotto, poi ho preso in braccio mio figlio e gli ho promesso che quella sarebbe stata l’ultima, ehm, “donna” a calpestare i suoi sentimenti insieme ai suoi bellissimi sassetti.

Bhè, no, questo è quello che AVREI VOLUTO fare. Quello che HO FATTO è stato molto più eroico: sono stata ferma lì, a guardare Lemuele osservare incredulo il suo tesoro sparso a terra e poi, con un velo di superabile delusione, andare diritto verso l’altalena. Brava, eh?

Perché una mamma lo sa, dalla prima volta che guarda suo figlio negli occhi: non potrà proteggerlo per sempre. Non dalla febbre, non dalle delusioni, non dal morbillo né dalle ferite del cuore. Può soltanto dire: io ci sarò. Anche quando non potrò intervenire o dovrò far finta di non vedere.
Anche allora sarò qui a osservare la TUA PARTITA, e nascosta sugli spalti per non farmi notare, farò sempre e comunque il tifo per te.

Il jolly è: non dimenticare che sei donna, anche se hai due figli maschi (mannaggiattè).

Share
Tags: , , , , , ,

12 Responses to Confessioni di una bi-suocera precoce

  1. Marianna russo ha detto:

    Non essere gelose di nuore anche I generi potrebbero essere peggio delle nuore sono piú sottili.certo é piú facile trovare un uomo umano cge una donna.ma se é intelligente capirâ.se non sei invadente obbiettiva se hai un figlio schiavo pazienza.sarâ che sono una mamma addottiva di figlio maschio

  2. […] Essendo in dirittura d’arrivo di una figlia femmina, e dopo aver letto un divertente post di Fioly sulla suocera in essere in ogni mamma di figlio maschio, riprendo l’argomento. Partiamo […]

  3. stefy23 ha detto:

    Insomma… ma questi maschietti ci vogliono far proprio vedere i sorci verdi già da piccoli!!! Comunque non è mica da tutti avere una suocera blogger così bella e intelligente, nè! Bacioni Fioly, questo pezzo è troppo divertente, ti immaginavo troppo nascosta dietro le tende e ridevo da sola 🙂

    • Fioly ha detto:

      Stefania, grazie, le mie nuore saranno certo onorate di avere una blogger scassamaroni come suocera, in effetti!;) le convinceremo che poteva capitargli di peggio (forse).
      un abbraccio!

  4. mammachemozione ha detto:

    No no no, Fioly ferma, ti preeeego
    Ricordati che poi i piccoletti crescono e corrono il rischio di diventare uno di quei maschi attaccati alle gonne di mammà anche a 20-30, uno di quelli da cui tutte siamo fuggite almeno una volta.
    Perciò, good girl, continua a osservare in disparte 🙂

    • Fioly ha detto:

      ma sì, certo, lo farò. o almeno mi impegnerò per farlo. mene starò buona qui a vedere che succede. in fondo basta imparre a dominarsi, no? vero?!…

  5. Raffaella ha detto:

    Ah, ah. Dio Fioly, facciamo le stesse cose. Deve passare sul mio corpo chi me lo ruberà!!!!!
    Sono anche io una persona orribile.
    Raffaella

  6. Alessia ha detto:

    Hahahaha, ecco mi hai beccata, pure io bi-suocera ormai 😀

  7. alessandra ha detto:

    come ti capisco !!!!! secondo me l’istinto della suocera e’ atavico !!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share
UA-31736997-1